Punti di vista NON secondari

Punti di vista NON secondari

In questi giorni, scorrendo la bacheca di Facebook, sono incappato in un post che mi ha incuriosito molto. Un amico ha pubblicato un video musicale, non è un amico di origini italiane e questo video era una ripresa televisiva di questa canzone cantata nella sua lingua da una brava cantante ecc… un video e una canzone talmente lontana dalla mia immaginazione, dal mio stile di vita, dalla mia cultura, che di primo acchito mi è venuto da evitare e cassare subito… poi invece sono tornato indietro e l’ho visto tutto, non l’ho minimamente compreso ma ho pensato: al mondo esistiamo solo noi? Io, te, lui è così via…? “Forse” esiste anche un modo di vivere la vita diverso a quello che noi viviamo, sarà banale e scontato ma non lo è per niente. Mi sono sentito triste, perché troppe volte ho ignorato, cassato o eliminato cose solo perché diverse da quello che è il mio standard di pensiero, di vita, probabilmente più che un mio difetto credo sia una caratteristica umana, purtroppo. Forse questa cosa mi ha fatto pensare un po’ e poi scivolerà oltre, ma quell’amico, che conosco anche nella vita reale, probabilmente avrà una considerazione leggermente diversa da parte mia da ora in poi. Chi siamo noi per giudicare o peggio ancora ignorare? Quella canzone probabilmente lo rende felice, lo fa sognare e chissà cos’altro. Io non la comprendo ma forse comincio a capire il perché.